Come evitare i contenuti duplicati in WordPress

contenuti duplicati

Uno dei problemi che si trova ad affrontare chi si presta a lanciare un blog basato su piattaforma WordPress è la duplicazione dei contenuti all’interno del sito stesso. Quando pubblichiamo un post infatti esso può comparire nella sua completezza nella home page del sito, nella pagina specifica dell’articolo stesso, nelle pagine dei tag, delle categorie e degli archivi. Rischiamo quindi che lo stesso articolo sia presente anche in quattro o più pagine distinte del nostro sito.

Come possiamo gestire tutto ciò?

Una delle opzioni possibili è far comparire in home page solo una porzione dell’articolo e poi inserire un link che rimanda al permalink dove si trova l’articolo completo. In questo modo la quantità di contenuto “duplicato” inserito nelle due pagine sarebbe minima.

Una seconda opzione potrebbe essere quella di inserire in home page un’introduzione che non corrisponde a quella dell’articolo orginale ma che si differenzi da essa. Ciò comporta naturalmente un ulteriore dispendio di tempo per scrivere un’introduzione differente.

C’è inoltre da decidere cosa far comparire nelle pagine tag, delle categorie e negli archivi. Premetto che come in molti aspetti dell’ambito SEO non c’è per forza una decisione giusto ed una sbagliata, una migliore ed una peggiore, ma si possono fare diverse scelte a seconda del tema trattato, del numero di post che pubblicate, di cosa si aspettano i vostri lettori ed altro.

Vi dico la soluzione che adotto in questo blog e secondo me potrebbe essere una buona soluzione di compromesso in molte casistiche. Quando pubblico un nuovo articolo in home page preferisco far comparire unicamente le prima 5-10 righe introduttive per far capire all’utente di cosa parlo, per poi invogliarlo a proseguire la lettura tramite un link che rimanda al permalink dove trova l’articolo completo. In queso modo ho diversi vantaggi:

  1. L’home page ha una dimensione più ridotta e l’utente visualizza meglio i vari articoli inseriti e decide quale approfondire;
  2. Riduco il possibile problema dei contenuti duplicati;
  3. Aumento il numero di pageview in quanto l’utente è invogliato a proseguire la lettura andando a visualizzare un’altra pagina.

Posso fare cià semplicemente inserendo il tag <!–more–> nel punto che preferisco dell’articolo. In quel punto comparirà un link che rimanda al permalink dell’articolo che avrà un anchor text contenente anche il titolo dell’articolo per migliorare il posizionamento dello stesso. Ad esempio nella pagina index.php del mio tema utilizzo la seguente funzione per gestire il tag <!–more–>

<?php the_content(“&raquo; Continua a leggere: ” . get_the_title(”, ”, false)); ?>

Per quanto riguarda le pagine tag utilizzo lo stesso approccio dell’home page, mentre preferisco non far indicizzare le pagine delle categorie e degli archivi. Riepilogando quindi l’home page e le pagine dei tag visualizzeranno solo una breve porzione dell’articolo ed avranno un link che rimanda al permalink dove l’utente può leggere l’articolo completo.

Come gestire quali pagine far indicizzare e no tramite un ottimo plugin SEO lo vedremo in un prossimo articolo. Io ad esempio dal blog non linko le pagine degli archivi, linko quelle delle categorie ma inserendo un nofollow sui link e un noindex nelle pagine, mentre linko in maniera do-follow e lascio indicizzare le pagine dei tag, cercando però di non inserire più di 2-3 tag per articolo.

Personalmente ritengo utile l’utilizzo del tag sia per gli utenti che per i motori di ricerca, se per esempio taggo un articolo con il tag “permalink” per gli utenti sarà molto semplice visualizzare tutti gli articoli che ho taggato in questo modo e se interessati alla tematica potranno approfondire diversi aspetti leggendo i vari articoli.

Riassumendo le tecniche da mettere in atto sono due:

1. Decidete a priori quali pagine e con quanti contenuti vanno indicizzate

2. Inserite il nofollow sui link alle pagine che non vanno indicizzate ed un noindex sempre nelle stesse, potete utilizzare anche il robots.txt per limitare l’indicizzazione delle pagine che non desiderate. Lasciate indicizzare e linkate do-follow le altre pagine.

Voi invece come gestite la duplicazione dei contenuti sul vostro blog?




» Scopri anche il corso WordPress SEO & Marketing!

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti ai Feed RSS! » Iscriviti ai Feed RSS!

Tag:

4 comments ↓

#1 Platinum SEO Pack: un plugin SEO tuttofare per WordPress on 11.25.10 at 22:04

[...] ← Come evitare i contenuti duplicati in WordPress [...]

#2 Google XML Sitemaps: indicizzare un blog in WordPress on 11.28.10 at 13:26

[...] volta stabilito quali contenuti far indicizzare nel vostro blog in maniera ottimale per evitare i contenuti duplicati e come farlo con Platinum SEO Pack il focus si sposta su come facilitare ai motori di ricerca [...]

#3 Riccardo on 07.20.11 at 09:52

Ciao,
complimenti innanzitutto per il blog; semplice, leggero e molto utile. Hai appena guadagnato un lettore!

#4 introw on 07.20.11 at 11:05

Ciao Riccardo, grazie mille per i complimenti!

Leave a Comment